-A +A

Tu sei qui

5-15 Ottobre – DEP NEPAL

27 Ottobre 2018
5-15 Ottobre – DEP NEPAL

Ogni viaggio è emozione e tutti ci lasciano sensazioni che, piano piano, sedimentano. Poter raggiungere il Nepal come accompagnatrice dei quindici ragazzi vincitori del Mountainhack è stato un sogno: ma, oggi, mi rendo conto che ho portato a casa emozioni differenti da quelle che hanno alimentato l’attesa di questa esperienza eccezionale.

Questo viaggio è stato una valanga, che nei primi giorni ci ha travolto un po’ tutti lasciandoci tramortiti, tramortiti dal caos di Katmandù, dalla polvere, dal traffico congestionato, dai grovigli di cavi elettrici penzolanti sulle strade, dai sapori forti delle spezie, travolti dalla spiritualità induista e buddista, i piedi scalzi dei bambini e i muri spogli nelle scuole, dal sorriso delle persone, dai colori dei mandala, dalla compostezza di un popolo umile e solidale. Siamo stati sommersi dalle emozioni dalle quali piano piano siamo riemersi dopo qualche giorno.

Questo viaggio è stato una salita in cordata nei giorni di partecipazione al Mountainhack Nepal all’interno della conferenza internazionale MoChWo. Una cordata internazionale dove si sono superate le difficoltà linguistiche, culturali ed economiche per raggiungere un fine comune, con fatica, con impegno con condivisione di intenti e modi. Di pari passo ho visto crescere l’impegno e la coesione fra ragazzi e docenti all’avvicinarsi della meta: cinque progetti concreti intorno ai temi della cooperazione Italia-Nepal e della conservazione della biordiversità vegetale nepalese.

Questo viaggio è stata una copiosa nevicata notturna che a mattina, quando apri le finestre, ti riempie di un misto di gioia, emozione, pace e senso del cambiamento, il cambiamento delle relazioni all’interno del gruppo e della relazione con te stesso, con le tue abitudini, con il tuo modo di vivere, di leggere ed interpretare la vita.

Allora, forse, non abbiamo conquistato grandi vette, abbiamo solo sfiorato in distanza la maestosità degli ottomila dell’Annapurna ma, sì, questo viaggio è stato un viaggio alla conquista di noi stessi.

“Is not the mountain we conquer but ourself”

FUTURA è una piattaforma di accelerazione verso il futuro dedicata alla Scuola italiana.