-A +A

Tu sei qui

Futura: connessioni e collisioni che generano energia

21 Febbraio 2019
Futura: connessioni e collisioni che generano energia

Il primo incontro con Futura per l’IIS “25 Aprile-Faccio” di Cuorgnè risale al dicembre 2017: Mountain hack, un’esperienza a cui la scuola ha avuto accesso grazie alla sua progettualità nell’ambito della conoscenza del territorio montano.

È un incontro che, oltre a segnare i ragazzi partecipanti, dà energia ad un progetto appena avviato: “Scuola e territorio”.

Intorno a due luoghi simbolo di un piccolo comune montano della val Soana, Ronco Canavese, gli studenti sono chiamati a ricercare soluzioni per far rinascere la borgata Castellaro, sede di un’antica fucina del rame e via XX Settembre. I due giovani amministratori che hanno lanciato un concorso per le scuole puntano forte e chiedono agli studenti di trovare soluzioni concrete che spingano ad uno sviluppo economico e turistico dell’intera valle.

La proposta progettuale è fatta ad alunni del corso tecnico Turismo e del corso Costruzioni, Ambiente e Territorio. Sono ragazzi che devono condividere competenze differenti, alla ricerca di soluzioni fattibili. Le idee che prendono forma dopo i primi incontri delineano tre diverse linee di azione intorno ai temi della cultura, dello sport e del ritorno all’agricoltura, ma i gruppi faticano a decollare.

L’esperienza di Milano galvanizza i ragazzi che possono parteciparvi e lancio l’idea di accelerare i progetti con una due giorni di immersione sullo stile dell’hackathon. Nasce, così, il Mountain accelerator lab.

L’adesione è totale: una quarantina di ragazzi lavorano intensamente per due giorni ed i risultati arrivano. Coesione, sviluppo delle idee, messa in gioco dei talenti di tutti nella presentazione agli amministratori di diversi paesi del territorio. Sono solo le prove tecniche, perché la conclusione effettiva del progetto, dopo un’estate di lavoro, arriva in autunno. A novembre, i tre team si confrontano con un’altra scuola del territorio, in occasione della premiazione del concorso. Le idee convincono una commissione giudicatrice tecnica attenta, che riconosce la fattibilità di tutti e tre i progetti, il lavoro di analisi dello stato di fatto, la ricerca di soluzioni di promozione percorribili ed accattivanti per rilanciare le terre alte.

Da questo incontro sono nate nuove connessioni e collisioni, interne, tra ragazzi di differenti classi del nostro Istituto, ed esterne alla scuola, che in questo 2019 stanno dando vita a nuove esperienze.

Futura è anche questo: progettazione ed attuazione sostenibili, già a partire dai banchi di scuola.

FUTURA è una piattaforma di accelerazione verso il futuro dedicata alla Scuola italiana.