-A +A

Tu sei qui

#FUTURAGENOVA - L’INCONTRO

24 Aprile 2019
#FUTURAGENOVA - L’INCONTRO

3 aprile 2019: è l’inizio di una nuova avventura. Io e la mia studentessa, selezionata nel team vincitore del Civic Hack di FuturaVarese, ci rechiamo a Genova per la finale nazionale. Partiamo da Milano con la comitiva lombarda, carichi di speranze, energia ed anche un poco timorosi per ciò che ci attende a Genova: più di 10000 studenti e 1500 scuole in rappresentanza di tutte le regioni italiane.

Arriviamo nella città della lanterna ed in albergo il team di Varese instaura, già dalle prime battute, una splendida amicizia con il team siciliano di Caltanissetta e provincia. Devo, infatti, rimarcare quanto i nostri ragazzi abbiano una straordinaria facilità nel tessere rapporti umani. Non esistono Nord e Sud, Est oppure Ovest, solo meravigliosi ragazzi. Varese e Caltanissetta uniti in un grande abbraccio.

Il giorno seguente raggiungiamo lo splendido Teatro Carlo Felice per la cerimonia di apertura. L’emozione e la tensione sono nell’aria, una sorta di carica emotiva pronta ad esplodere.

Ecco, l’avventura inizia: tre giorni di intense attività di formazione per docenti coinvolti in singoli percorsi. Dalle Stem alla robotica, dalle nuove frontiere digitali al primo Hackthon docenti, il Teach for hack, promosso per incoraggiare anche altri insegnanti ad un rinnovamento della pratica didattica.

Nel frattempo i ragazzi sono coinvolti nel miglioramento/evoluzione del progetto realizzato nelle precedenti fasi. Lavorano per parecchie ore, giorno e sera, con l’obiettivo di far emergere e sprigionare le proprie potenzialità, le proprie competenze e, forse, vincere la competizione. Il nostro team non raggiunge le primissime posizioni, ma i ragazzi sono felici, sia per il lavoro svolto e la splendida esperienza formativa vissuta, sia per l’elaborato prodotto dagli amici di Caltanissetta: i ragazzi siciliani hanno raggiunto la finale e si contendono le prime posizioni. 

Così il nostro tifo si unisce a quello delle squadre. Non vincono, ma esultano, fieri di ciò che hanno conquistato. Torniamo in albergo stanchi, ma grati con la città di Genova per averci consentito di vivere qualcosa di veramente speciale. Salutiamo i nostri amici e facciamo ritorno a Varese, con la consapevolezza che la scuola italiana, quando si mobilita e decide di perseguire un obiettivo comune, esprime il meglio di sé. Sì, perché Futura è anche e soprattutto questo: capacità di coinvolgere realtà plurali, essere una sorta di terra di mezzo in cui diversi vissuti e competenze collaborano per realizzare il cambiamento della scuola italiana e partecipare al rinnovamento del mondo.

Futura unisce i cuori, le menti, lo spirito; crea legami, amicizie ed intrecci che continuano e si alimentano anche in lontananza.

FUTURA è una piattaforma di accelerazione verso il futuro dedicata alla Scuola italiana.